“Ci Sta!” in visita a TerraNostra

terranostra

Lunedì 12 febbraio abbiamo visitato con i ragazzi di “Ci Sta!” lo spazio verde autogestito TerraNostra.

TerraNostra è uno spazio verde di circa 5 ettari, che in passato era stato un deposito militare, successivamente abbandonato e lasciato all’incuria. I ragazzi di TerraNostra, scontrandosi con le istituzioni, lo hanno preso in cura, donandogli una nuova vita.  Gli obiettivi del collettivo sono la costruzione di spazi di nuova socialità, la difesa e la valorizzazione delle poche aree verdi in città, la creazione di tanti orti sociali da gestire in collettività.

terranostra

La prima volta che hanno messo piede nello spazio che sarebbe diventato TerraNostra, la situazione era drammatica: cumuli di spazzatura, frutto degli sversamenti illegali da parte dei cittadini e non solo; rovi selvatici alti due metri che rendevano il terreno impraticabile; e tanti altri disagi.

I ragazzi ci hanno spiegato che il lavoro di bonifica è stato lungo e faticoso, e non solo per quanto riguarda l’aspetto superficiale, ma anche, e soprattutto, in merito alla contaminazione del terreno. Difatti anni di incuria e di esposizione a ogni tipo di sversamento e scarico, avevano reso il tasso di piombo nel terreno più elevato della norma.

Per ovviare a questo problema, il gruppo, in collaborazione con alcuni ricercatori della Federico II, hanno attuato un’opera di fitorisanamento, piantando oltre 300 pioppi. Quest’albero, infatti, ha proprietà depurative, che, come messo in evidenza da successive analisi, hanno ridotto dastricamente il livello di contaminazione, rendendolo nuovamente adatto alla coltivazione.

L’idea di TerraNostra è semplice: restituire quel verde ai cittadini: chiunque può partecipare, tutti ne possono far parte, l’unico requisito richiesto è quello di “sporcarsi le mani” mettendosi all’opera. E noi, ovviamente, non potevamo esimerci: ci siamo armati di zappe, rastrelli e carriola e guidati dai loro saggi consigli abbiamo lavorato, ricevendo in cambio le sensazioni uniche che dona il contatto con la terra.

È stata una giornata formativa sotto tutti i punti di vista e per questo ringraziamo i ragazzi di TerraNostra, splendido esempio di cittadinanza attiva e alternativa sociale, con la speranza di incontrarci nuovamente per vivere altre giornate come questa.

Per seguire tutte le iniziative, rimandiamo alla loro pagina facebook.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *