Un anno di serviziozio civile

L’esperienza di Martina

Quando un anno fa ho cominciato la mia esperienza a Casarcobaleno c’erano tanti sentimenti in contrasto nella mia testa. Emozione, ansia, agitazione ed entusiasmo si alternavano in attesa di attraversare quella porta rossa e cominciare il nuovo percorso.

Casarcobaleno è un luogo pieno di energia ed il suo unico scopo è aiutare il prossimo.

Il mio percorso è cominciato con il progetto “Io Valgo” che mira ad aiutare ragazzi di Scampia, non particolarmente attratti dallo studio, a studiare per ottenere la licenza media.
E’ facile immaginare questi ragazzi come degli svogliati ma la realtà è ben diversa.

Troppo spesso in realtà si sono trovati ad affrontare delle mancanze senza nemmeno saperlo. C’è chi ha un parente in carcere, chi malato, chi ha bisogno di un’attenzione in più e chi di stimoli. Troppo spesso le scuole tradizionali non riescono a dare ai ragazzi le attenzioni di cui hanno bisogno e loro vengono trascinati negli anni scolastici senza una meta.
A Casarcobaleno, invece, si cerca di dar loro quel supporto in più, possiamo quasi definirlo una conoscenza dell’io, dei propri bisogni e delle proprie necessità, cercando di stabilire un contatto con loro che va oltre quello del normale insegnante – alunno.
Ed è sempre meraviglioso vedere questi ragazzi riscoprirsi, affermarsi intelligenti, realizzare di non volersi fermare ma di voler continuare gli studi con una scuola secondaria!

Casarcobaleno non è solo questo, grazie alle sue porte sempre aperte è diventata un luogo importante per i più giovani che possono facilmente ritrovarsi al campetto di calcio.

Proprio per i più giovani, nel periodo estivo, è partito il campo scuola, abbiamo cercato di coinvolgere tutti i bambini del luogo ad uscire di casa dopo il periodo di quarantena ed a parteciparvi.
Qui ci siamo cimentati insieme agli educatori con attività che miravano a sviluppare la loro creatività, lo spirito di squadra ed il senso civico.

Controllo mattutino della temperatura e igienizzazione delle mani.

Casarcobaleno da tanti anni porta anche l’arte a Scampia, con un annuale Simposio in cui invitano artisti provenienti da tutto il mondo a Scampia per realizzare opere per la comunità rendendo partecipi i bambini e la comunità stessa.
Quest’anno purtroppo a causa della pandemia non abbiamo potuto realizzare il classico Simposio ma Casarcobaleno non si è fermata ed ha realizzato un’edizione online in diretta in cui ho potuto dare il mio supporto grazie alla mie competenze tecnologiche e digitali gestendo la regia della diretta.

Martina in regia durante l’edizione digitale del Simposio. Ph: Mattia Tarantino

Attualmente, quasi alla fine del mio percorso, in attesa della ripartenza di “Io Valgo”, aiuto le ragazze del nido al “Giardino dei Mille Colori” con le loro attività quotidiane con i bambini di Scampia e del vicino campo rom.

A quasi un anno di distanza ripenso a cosa mi ha spinto a fare domanda per il servizio civile e sono davvero felice di aver scelto questa struttura che mi ha permesso di crescere e conoscere realtà che erano così vicine a me geograficamente ma in realtà così lontane.
Ogni persona incontrata quest’anno mi ha lasciato qualcosa a livello emotivo e spero nel mio piccolo di essere riuscita a fare lo stesso per loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *